IMPOSTE CATASTALI E IPOTECALI: NO AI CONTANTI DAL 1 GENNAIO 2018

L’Agenzia delle Entrate introduce nuove modalità di pagamento per i versamenti da effettuare presso gli Uffici Provinciali Territorio. Dal prossimo anno si dovrà dire addio al pagamento delle imposte in contanti o tramite titoli al portatore.
Con comunicato stampa dello scorso 2 dicembre l’Agenzia delle Entrate ha introdotto la nuova marca servizi per il pagamento delle imposte ipotecarie e tributi speciali catastali da corrispondere agli Uffici Provinciali Territorio.
L’Agenzia, con il provvedimento dello scorso 28 giugno, aveva previsto l’introduzione di nuove modalità di riscossione delle tasse ipotecarie e dei tributi speciali catastali, in base all’art. 7-quater, comma 36, del Dl n. 193/2016.

Con la previsione della marca servizi è così intervenuta per disciplinare la materia relativa a tasse ipotecarie e tributi speciali catastali, con l’intento di superare oneri e rischi del pagamento in contante, anche nell’ottica di una maggiore organizzazione dei servizi forniti.

Che cos’è la marca servizi?

Si tratta di uno specifico contrassegno sostitutivo, una sorta di marca da bollo che può essere impiegata per le tasse ipotecarie e i tributi speciali catastali quando devono essere effettuate le seguenti operazioni: visure catastaliispezioni ipotecarie, richiesta di copie e certificazionivolture catastali presso gli sportelli degli Uffici Provinciali Territorio delle Entrate. Insomma per i servizi resi in relazione a catasto e pubblicità immobiliare.

Nello specifico, la marca servizi, dovrà essere apposta sui modelli di richiesta e sulle domande di volture inviate all’Agenzia delle Entrate. I facsimili sono a disposizione dell’utente tramite accesso al sito internet dell’Agenzia. Segnaliamo che la marca servizi è già disponibile presso tutte le tabaccherie.

A partire dal prossimo gennaio, tutti i pagamenti presso gli Uffici Provinciali Territorio dell’Agenzia delle Entrate dovranno essere effettuati con modalità diversa dal denaro contante.

Quali saranno gli strumenti utilizzati?

I cittadini potranno avvalersi del contrassegno marca servizicarte di debito o prepagate (utilizzando terminali Pos presso l’Ufficio), il modello F24 Elide (F24 con elementi identificativi) o transazioni telematiche. Il modello F24 Elide è già in vigore dal 1° luglio 2017.

È previsto un periodo transitorio fino al prossimo 31 dicembre avente lo scopo di agevolare il contribuente. Fino alla fine dell’anno sarà ancora possibile utilizzare il contante e i titoli al portatore. L’adeguamento del cittadino alla nuova procedura potrà avvenire in maniera graduale.

Fonte: https://goo.gl/qfv2m7

Non perdetevi l’ultimo articolo: Quanto può crescere il valore di un immobile con una piccola ristrutturazione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Torna su

Contattaci

CHIUDI

. .